Dicembre 29, 2020

E’ possibile sposarsi in modo alternativo alla tradizione? La risposta è sì, si può.

by Gianluca Sammartano in Storie

Julia e Roy sono una coppia giovane, innamorata della semplicità, delle gite in montagna, dei pernottamenti in tenda e dei viaggi aperti all’avventura. 

La scelta di sposarsi “nella natura” seguendo l’antico rituale celtico è coerente con il loro ideale d’amore: libero e spirituale. 

Incontro sempre più spesso coppie che manifestano interesse per i racconti fotografici leggeri che diano più spazio ai sentimenti che alle costruzioni stilistiche. E’ chiaro che per operare al meglio e donare all’eternità un prodotto unico, esclusivo, l’organizzazione del matrimonio costituisca la struttura basilare sulla quale costruire lo storytelling visuale. Il matrimonio celtico di Julia e Roy è stato curato da Valentina Di Domenico, esperta wedding planner specializzata nell’organizzazione di eventi alternativi e matrimoni a tema. Personalmente amo raccontare storie d’amore che escono dall’ordinario perché è qui che, talvolta, ritrovo un desiderio d’unione più forte.

Le coppie che scelgono di sposarsi spiritualmente in contesti naturalistici sono spesso vittime di stigmatizzazioni. Queste scelte vengono spesso percepite all’esterno come forme di esibizionismo stravagante o eccessivamente modaiole. Nulla di più falso. Le coppie che ho conosciuto in giro per il mondo, dal Vietnam alla Germania, dalla Thailandia alla Francia, e in questo caso anche quelle italiane, custodiscono dei valori molto puri. Rifiutano il matrimonio laico perché percepito come puramente contrattuale ma anche quello religioso, in quanto non appartenenti ai culti delle religioni storiche (cristianesimo, ebraismo, islam). Donne e uomini che guardano oltre, abbracciando l’idea di un matrimonio nel quale è forte la componente mistica che riflette la connessione triadica di natura, spirito, uomo, e molto debole o meno consistente quella della spettacolarizzazione della tradizione. 

L’organizzazione del matrimonio celtico di Julia e Roy è stata interamente votata alla semplicità, banditi quindi gli eccessi e gli sfarzi. 

L’antica abbazia di S.Maria del Bosco si è rivelata la cornice perfetta per la loro unione. Al fascino medievale delle forme e degli spazi si lega l’immensa area boschiva, curata per secoli dai frati che la abitavano. 

Anche la scelta degli abiti degli sposi rispecchia in toto questo approccio.
Julia ha infatti optato per un abito sartoriale ed ecosostenibile, realizzato dalle mani esperte di Morena Fanny Raimondo, proprietaria del brand MORE.

Gli allestimenti floreali di Anna Di Franco essenziali e pratici. Niente eccessi anche in questo caso. Il tema vegetale e botanico nel matrimonio celtico deve necessariamente puntare sulla semplicità estrema. L’eccesso di addobbi avrebbe reso meno coerente l’ideale minimalista degli sposi.
Composizioni troppo elaborate hanno sicuramente un grande impatto visivo e funzionano per gli spot pubblicitari o per le fotografie dei magazine ma non si addicono alla purezza dei matrimoni rituali.

L’ecosostenibilità è una costante nei matrimoni spirituali e abbraccia anche il campo della fotografia. L’album fotografico che ho proposto alla coppia, luogo fisico della memoria, è firmato Artphotoevaluna. Linea Floema in legno di noce, tessuti made in Italy, stampa fine art 100% cotone a pigmenti di inchiostro (acqua), totalmente acid free e a impatto zero.

Lo storytelling, pertanto, riproduce una narrazione equilibrata e sensibile, molto intima, più vicina al racconto per immagini con posa leggera che ad una costruzione ingessata o, al contrario, eccessivamente “distaccata”.

Venue: Abbazia Santa Maria del Bosco
Wedding planner: www.weddingvalentina.com
Bridesmaids dresses: Your Style
Bride dress: www.moretobemore.com
MUA & Hairstylist: Irina Farfallina
Videography: @mauromessinastoryteller
Wed stationery: @chiaraneve_design
Wedding cake: Cagliostro Bakery
2°wedding cake: @_martinab
Floral design: @pianteefiori.difrancoanna 

Contattami

Compila il modulo per richiedere informazioni

    Storytelling completo